Pio XII – Menti nostrae

Magistero

PIO PP.
XII
MENTI NOSTRAE

ESORTAZIONE AL CLERO DEL MONDO CATTOLICO
SULLA SANTITÀ DELLA VITA SACERDOTALE

Introduzione

Voci che non si spengono

Risuona sempre nell’animo
Nostro la voce del Divin Redentore che dice a Pietro: ” Simone di Giovanni,
mi ami tu più di questi?… pasci i miei agnelli, pasci le mie pecorelle ”
(Gv 21,15.17); e quella dello stesso Principe degli Apostoli che esorta i Vescovi
ed i Sacerdoti del suo tempo: ” Pascete il gregge di Dio, che da voi dipende…
fatti sinceramente esemplari del gregge ” (1 Pt 5,2.3).

Principale necessità
del nostro tempo

Meditando attentamente
tali parole, stimiamo essere officio precipuo del Nostro supremo Ministero di adoperarCi
affinché diventi sempre più efficace l’opera dei sacri Pastori e dei
Sacerdoti, che devono guidare il popolo cristiano ad evitare il male, a superare
i pericoli ed a conseguire la santità. Questa infatti è la principale
necessità del nostro tempo, in cui i popoli, in conseguenza della recente
immane guerra, non solo sono angustiati da gravi difficoltà materiali, ma
sono anche spiritualmente sconvolti, mentre i nemici del nome cristiano, fatti insolenti
dalle condizioni in cui versa la società, si sforzano, con odio satanico e
con sottili insidie, di allontanare gli uomini da Dio e dal suo Cristo.

Paterna sollecitudine
per i Sacerdoti

La necessità, che
tutti i buoni avvertono, di una restaurazione cristiana, Ci spinge a rivolgere il
Nostro pensiero e il Nostro affetto in modo speciale ai Sacerdoti di tutto il mondo,
perché sappiamo che soprattutto la umile, vigile, fervida opera di essi, che
vivono in mezzo al popolo e ne conoscono i disagi, le pene, le angustie spirituali
e materiali, può rinnovare le coscienze e stabilire in terra il Regno di Gesù
Cristo, ” regno di giustizia, di amore e di pace “.
Non sarà però in alcun modo possibile che il ministero sacerdotale
consegua pienamente il suo fine, così da rispondere adeguatamente ai bisogni
del nostro tempo, se i Sacerdoti non risplenderanno in mezzo al popolo per insigne
santità, come degni ” Ministri di Cristo “, fedeli ” dispensatori
dei Misteri divini ” (cf 1 Cor 4,1), efficaci ” collaboratori di Dio ”
(cf 1 Cor 3,9), pronti ad ogni opera buona (cf 2 Tm 3,17).

Manifestazione di gratitudine

Pensiamo pertanto che non
potremmo in nessun modo manifestare meglio la Nostra gratitudine ai Sacerdoti del
mondo intero, i quali, nel cinquantesimo anniversario del Nostro Sacerdozio, Ci hanno
dato testimonianza del loro amore elevando per Noi preghiere a Dio, che rivolgendo
a tutto il clero una paterna esortazione alla santità, senza la quale il ministero
ad esso affidato non può essere fecondo. L’Anno Santo, che abbiamo indetto
con la speranza di un generale risanamento dei costumi secondo gli insegnamenti del
Vangelo, questo desideriamo che porti come primo frutto, che cioè quelli che
sono la guida del popolo cristiano, attendano con maggiore impegno alla propria santificazione,
perché così sarà assicurato il rinnovamento dei popoli nello
spirito di Gesù Cristo.
E’ tuttavia da ricordare che, se oggi gli accresciuti bisogni della Società
cristiana esigono con più urgenza l’interna perfezione dai Sacerdoti, essi
sono già obbligati per la stessa intima natura dell’altissimo ministero loro
confidato da Dio, ad adoperarsi indefessamente, sempre ed ovunque, per la propria
santificazione.

Il grande dono del Sacerdozio

Come hanno insegnato i
Nostri Predecessori, e particolarmente Pio X e Pio XI, e come Noi stessi abbiamo
accennato nelle Lettere Encicliche Mystici Corporis e Mediator Dei, il sacerdozio
è veramente il grande dono del Divin Redentore, il quale, per rendere perenne
l’opera di redenzione del genere umano da lui compiuta sulla Croce, trasmise i suoi
poteri alla Chiesa, che volle partecipe del suo unico ed eterno sacerdozio. Il Sacerdote
è un ” alter Christus ” perché è segnato con indelebile
carattere che lo configura al Salvatore; il Sacerdote rappresenta Cristo, il quale
disse: ” Come il Padre ha mandato me, così io mando voi ” (Gv 20,21);
” chi ascolta voi ascolta me ” (Lc 10,16). Iniziato, per divina vocazione,
a questo augustissimo ministero ” è preposto a pro degli uomini a tutte
quelle cose che riguardano Dio, affinché offra doni e sacrifici per i peccati
” (Eb 5,1). A lui pertanto è necessario che ricorra chiunque vuol vivere
la vita di Cristo e desidera ricevere forza, conforto ed alimento per l’anima; a
lui chiederà la medicina necessaria chiunque desidera risorgere dal peccato
e tornare sulla retta via. Per tal motivo, tutti i Sacerdoti possono applicare a
se stessi le parole dell’Apostolo: ” Siamo cooperatori di Dio ” (1 Cor
3,9).
Necessità della corrispondenza
Ma sì eccelsa dignità esige dai Sacerdoti che corrispondano con fedeltà
somma al loro altissimo officio. Destinati a procurare la gloria di Dio in terra,
ad alimentare ed accrescere il Corpo Mistico di Cristo, è assolutamente necessario
che così eccellano per santità di costumi, che attraverso di essi si
diffonda dovunque il ” buon profumo di Cristo ” (2 Cor 2,15).

Il dovere fondamentale

Il giorno stesso in cui
voi , diletti figli, foste innalzati alla dignità sacerdotale, il Vescovo,
a nome di Dio, vi ha solennemente indicato quale fosse il vostro dovere fondamentale:
” Comprendete ciò che fate, imitate ciò che trattate, affinché,
celebrando il mistero della morte del Signore, procuriate di mortificare le vostre
membra da tutti i vizi e le concupiscenze. Sia, la vostra dottrina, spirituale medicina
al popolo di Dio; sia il profumo della vostra vita il diletto della Chiesa di Cristo,
affinché con la predicazione e con l’esempio, edifichiate la casa, che è
famiglia di Dio “.
Totalmente immune da peccato, la vostra vita, più di quella dei semplici fedeli,
sia nascosta con Cristo in Dio (Col 3,3). Soltanto adorni di quella esimia virtù
che esige la vostra dignità, potrete attendere all’officio cui vi ha destinati
la sacra ordinazione, di continuare e completare l’opera della redenzione.
Questo è il programma da voi liberamente e spontaneamente assunto; siate santi,
perché santo è il vostro ministero.

Parte
I

La santità della vita

La perfezione consiste
nel fervore della carità

Secondo l’insegnamento
del Divino Maestro, la perfezione della vita cristiana consiste nell’amore verso
Dio e verso il prossimo (Mt 22,37.38.39), amore che sia però veramente fervido,
premuroso, attivo. Se esso ha queste doti, può dirsi veramente che abbraccia
tutte le virtù (cf 1 Cor 13,4s), ed a ragione può chiamarsi ”
vincolo di perfezione ” (Col 3,14). In qualunque stato pertanto l’uomo si trovi,
a questo fine deve dirigere le sue intenzioni e le sue azioni.
Il Sacerdote è chiamato alla perfezione
A questo dovere tuttavia è tenuto in modo particolare il Sacerdote. Ogni sua
azione sacerdotale infatti, per sua stessa natura – in quanto proprio a tal fine
il Sacerdote è stato per divina vocazione chiamato, e destinato ad un divino
officio ed insignito di un divino carisma – tende a questo; egli infatti deve prestare
la sua cooperazione a Cristo, unico ed eterno Sacerdote; è necessario pertanto
che segua ed imiti Colui il quale, durante la sua vita terrena, non ebbe altro scopo
che dimostrare il suo ardentissimo amore verso il Padre e partecipare agli uomini
gli infiniti tesori del suo Cuore.

Imitazione
di Cristo

Intima unione con Gesù

Il primo impulso, dal quale
deve esser mosso lo spirito sacerdotale, deve esser quello di unirsi strettamente
al Divin Redentore, per accettare docilmente ed in tutta la loro integrità
i divini insegnamenti, e per applicarli diligentemente in tutti i momenti della sua
esistenza, di modo che la fede sia costantemente la luce della sua condotta e la
sua condotta sia il riflesso della sua fede.

Tenere lo sguardo fisso
in lui

Seguendo la luce di questa
virtù, egli terrà fisso lo sguardo in Cristo, ne seguirà gli
insegnamenti e gli esempi, intimamente persuaso che non è sufficiente per
lui limitarsi a compiere i doveri cui sono tenuti i semplici fedeli, ma deve tendere
con sempre maggior lena a quella santità che esige la dignità sacerdotale,
secondo l’avvertimento della Chiesa: ” I chierici devono condurre vita più
santa dei laici, ed essere a questi di esempio nella virtù e nel retto operare
“.

Vita cristocentrica

La vita sacerdotale, come
deriva da Cristo, così tutta e sempre deve dirigersi a lui. Cristo è
il Verbo di Dio, che non sdegnò di assumere la natura umana; che visse la
sua vita terrena per compiere la volontà dell’Eterno Padre; che diffonde intorno
a sé il profumo del giglio; che visse nella povertà; ” che passò
facendo del bene e sanando tutti ” (At 10,38); che infine si immolò ostia
per la salvezza dei fratelli. Ecco, diletti figli, la sintesi di quella mirabile
vita; studiatevi di riprodurla in voi, memori dell’esortazione: ” Vi ho dato
l’esempio, affinché, come io ho fatto, così facciate anche voi ”
(Gv 13,15).
Pratica dell’umiltà
L’inizio della perfezione cristiana è nell’umiltà. ” Imparate
da me, che sono mite ed umile di cuore ” (Mt 11,29). Di fronte all’altezza della
dignità alla quale siamo stati elevati con il Battesimo e l’Ordine Sacro,
la consapevolezza della nostra miseria spirituale deve indurci a meditare la divina
sentenza di Gesù Cristo: ” Senza di me non potete far nulla ” (Gv
15,5).

Diffidenza di se stessi

Il Sacerdote non confidi
nelle proprie forze, non si compiaccia delle proprie doti, non cerchi la stima e
la lode degli uomini, non aspiri a posti elevati, ma imiti Cristo, il quale non venne
” per essere servito, ma a servire ” (Mt 20,28); e rinneghi se stesso secondo
l’insegnamento del Vangelo (cf Mt 16,24), distaccando l’animo dalle cose terrene
per seguire più speditamente il Divino Maestro. Tutto ciò che egli
ha, tutto ciò che è, viene dalla bontà e dalla potenza di Dio:
se vuole dunque gloriarsi, ricordi le parole dell’Apostolo: ” Quanto a me, di
niente mi glorierò, se non delle mie debolezze ” (2 Cor 12,5).

Immolazione della volontà

Lo spirito di umiltà,
illuminato dalla fede, dispone l’anima alla immolazione della volontà attraverso
l’obbedienza. Cristo stesso, nella società da lui fondata, ha stabilito un’autorità
legittima, che è una continuazione della sua. Perciò, chi obbedisce
ai Superiori, obbedisce allo stesso Redentore.

Necessità dell’obbedienza

In un’età come la
nostra, in cui il principio d’autorità è gravemente scosso, è
assolutamente necessario che il Sacerdote, saldo nei principii della fede, consideri
e accetti l’autorità non solo come baluardo dell’ordine sociale e religioso,
ma anche come fondamento della sua stessa santificazione personale. Mentre i nemici
di Dio, con criminosa astuzia, si sforzano di sobillare e solleticare le smoderate
bramosie di qualcuno, per indurlo ad erigersi contro la Santa Madre Chiesa, Noi desideriamo
dare la dovuta lode e sostenere con paterno animo quella larga schiera di Ministri
di Dio, che per dimostrare apertamente la loro cristiana obbedienza e conservare
intatta la propria fedeltà a Gesù ed alla legittima autorità
da lui stabilita, ” sono stati trovati degni di soffrire contumelie per il nome
di Cristo ” (At 5,41), e non solo contumelie, ma persecuzioni e carceri e morte.
Rinunce del celibato
Il Sacerdote ha come campo della propria attività tutto ciò che si
riferisce alla vita soprannaturale, ed è organo di comunicazione e di incremento
della stessa vita nel Corpo Mistico di Cristo. Perciò è necessario
che egli rinunci a ” tutto ciò che è del mondo “, per curare
solamente ciò ” che è del Signore ” (1 Cor 7,32.33). Ed è
appunto perché egli deve essere libero dalle preoccupazioni del mondo per
dedicarsi tutto al divino servizio, che la Chiesa ha stabilito la legge del celibato,
affinché fosse sempre più manifesto a tutti che il Sacerdote è
Ministro di Dio e padre delle anime. Con la legge del celibato, il Sacerdote, piuttosto
che perdere il dono e l’ufficio della paternità, lo accresce all’infinito,
giacché se non genera una figliolanza a questa vita terrena e caduca, la genera
a quella celeste ed eterna.
Quanto più rifulge la castità sacerdotale, tanto più il Sacerdote
diventa insieme con Cristo ” ostia pura, ostia santa, ostia immacolata “.
Per custodire integerrima, quale tesoro inestimabile, la purezza sacerdotale, è
necessario attenersi fedelmente a quella esortazione del Principe degli Apostoli,
che ogni giorno ripetiamo nel divino officio: ” Siate sobrii, e vigilate ”
(1 Pt 5,8).

Vigilanza e preghiera,
custodi della castità

Sì, vigilate, diletti
figli, poiché la castità sacerdotale è esposta a molti pericoli,
sia per la dissolutezza dei costumi, sia per gli allettamenti del vizio che sono
così frequenti ed insidiosi, sia infine per quella eccessiva libertà
che s’introduce sempre più nei rapporti tra i due sessi e che tenta di penetrare
anche nell’esercizio del sacro ministero. ” Vigilate e pregate ” (Mc 14,38),
memori che le vostre mani toccano le cose più sante, e che voi siete consacrati
a Dio ed a lui solo dovete servire. L’abito stesso che portate vi ammonisce che non
dovete vivere al mondo, ma a Dio. Adoperatevi dunque con ardore e con alacrità,
confidando nella protezione della Vergine Madre di Dio, per conservarvi sempre ”
nitidi, mondi, puri, casti, come si conviene a Ministri di Cristo ed a dispensatori
dei misteri di Dio “.

Evitare le familiarità

A tal proposito vi rivolgiamo
una particolare esortazione perché nel dirigere le associazioni ed i sodalizi
femminili, vi mostriate come si addice a Sacerdoti; evitate ogni familiarità;
quando è necessario che diate la vostra opera, datela come sacri Ministri.
Nel dirigere poi queste associazioni, la vostra parte si limiti a quanto richiesto
dal sacro ministero.

Distacco dai beni terreni

Al distacco dalla vostra
volontà e da voi stessi con la generosa obbedienza ai Superiori ed alla rinuncia
ai piaceri terreni con la castità, dovete unire il distacco dell’animo dalle
ricchezze e dalle cose terrene. Vi esortiamo ardentemente, o fratelli, a non attaccarvi
con l’affetto alle cose di questa terra, transitorie e periture. Prendete ad esempio
i grandi Santi degli antichi e nostri tempi, i quali, unendo il necessario distacco
dai beni materiali ad una grandissima fiducia nella Provvidenza e ad un ardentissimo
zelo sacerdotale, hanno compiuto opere mirabili, confidando unicamente in Dio, il
quale non fa mai mancare il necessario. Anche il Sacerdote, che non fa professione
di povertà con particolare voto, deve essere sempre guidato dallo spirito
e dall’amore di questa virtù; amore che deve dimostrare con la semplicità
e la modestia del tenore di vita, dell’abitazione e nella generosità verso
i poveri. In modo particolarissimo poi aborrisca dall’immischiarsi in imprese economiche,
imprese che gli impedirebbero di compiere i suoi doveri pastorali e gli diminuirebbero
la dovuta considerazione dei fedeli. Il Sacerdote, poiché deve attendere con
ogni impegno a procurare la salvezza delle anime, deve sempre poter applicare a se
stesso il detto di San Paolo: ” Non cerco le cose vostre ma voi ” (2 Cor
12,14).

Essere modelli di ogni
virtù

Molto avremmo ancora da
dire su tutte le virtù con le quali il Sacerdote deve riprodurre in se stesso,
nel miglior modo possibile, l’esemplare divino che è Gesù Cristo. Abbiamo
tuttavia preferito fermare la vostra attenzione su ciò che Ci sembra più
necessario ai nostri tempi. Vi ricordiamo peraltro le parole dell’aureo libro dell’Imitazione
di Cristo: ” Il Sacerdote deve essere adorno di tutte le virtù, e dare
agli altri esempio di retta vita. La sua conversazione non sia secondo le volgari
e comuni vie degli uomini, ma con gli Angeli e gli uomini perfetti “.

Necessità
della Grazia per la santificazione

Verità consolanti

Nessuno ignora, diletti
figli, come non sia possibile ad alcun cristiano, ed in special modo ai Sacerdoti,
di imitare i mirabili esempi del Divino Maestro, senza l’aiuto della grazia, e senza
l’uso di quegli strumenti della grazia che egli stesso ha messo a nostra disposizione:
uso che è tanto più necessario, quanto più alto è il
grado di perfezione che noi dobbiamo conseguire e quanto più gravi sono le
difficoltà, che derivano dalla nostra natura incline al male. Per questa ragione,
giudichiamo opportuno passare alla considerazione di altre verità, quanto
mai sublimi e consolanti, dalle quali ancor più chiaramente appare quanto
profonda debba essere la santità sacerdotale e quanto efficaci siano gli aiuti
datici dal Signore perché possiamo compiere in noi i disegni della divina
misericordia.

Vita di sacrificio

Come tutta la vita del
Salvatore fu ordinata al sacrificio di se stesso, così anche la vita del Sacerdote,
che deve riprodurre in sé l’immagine di Cristo, deve essere con Lui, per Lui,
ed in Lui, un accettevole sacrificio.

Ad esempio di Gesù
sul Calvario

Difatti, l’offerta che
il Signore fece sul Calvario, non fu soltanto l’immolazione del suo Corpo; Egli offrì
se stesso, ostia di espiazione, come Capo dell’umanità, e perciò ”
mentre raccomanda il suo spirito nelle mani del Padre, raccomanda se stesso a Dio
come uomo, per raccomandargli tutti gli uomini “.

Nella Santa Messa

La stessa cosa avviene
nel Sacrificio Eucaristico, che è rinnovazione incruenta del sacrificio della
Croce: Cristo offre se stesso al Padre per la sua gloria e per la nostra salute.
Ed in quanto egli, sacerdote e vittima, agisce come Capo della Chiesa, offre ed immola
non soltanto se stesso, ma tutti i fedeli, ed in certo qual modo tutti gli uomini.
I tesori del Sacrificio Eucaristico
Ora, se questo vale per tutti i fedeli, a maggior titolo vale per i Sacerdoti, i
quali sono Ministri di Cristo, principalmente per la celebrazione del Sacrificio
Eucaristico. Ed appunto nel Sacrificio Eucaristico, quando ” in persona di Cristo
“, consacra il pane ed il vino che diventano Corpo e Sangue di Cristo, il Sacerdote
può attingere dalla stessa sorgente della vita soprannaturale gli inesauribili
tesori della salvezza e tutti quegli aiuti che sono necessari a lui personalmente
ed al compimento della sua missione.

Vivere la Santa Messa

Il Sacerdote, mentre è
a così stretto contatto dei divini misteri, non può non aver fame e
sete di giustizia (cf Mt 5,6), o non sentire lo stimolo ad adeguare la sua vita alla
sua eccelsa dignità e ad orientarla verso il sacrificio, dovendo offrire ed
immolare se stesso con Cristo. Quindi egli non soltanto celebrerà la Santa
Messa, ma la vivrà intimamente; così soltanto potrà attingere
quella forza soprannaturale che lo trasformerà e lo farà partecipe
della vita di sacrificio del Redentore.
Trasformazione in vittime con Gesù
San Paolo pone come principio fondamentale della perfezione cristiana il precetto:
” Rivestitevi del Signore Nostro Gesù Cristo ” (Rm 13,14). Questo
precetto, se vale per tutti i cristiani, vale in modo speciale per i Sacerdoti. Ma
rivestirsi di Cristo non è soltanto ispirare il proprio pensiero alla sua
dottrina, sibbene entrare in una nuova vita, la quale, per risplendere dei fulgori
del Tabor, deve anche conformarsi alle sofferenze del Calvario. Ciò comporta
un lavoro lungo ed arduo che trasformi l’anima allo stato di vittima, perché
partecipi intimamente al sacrificio di Cristo. Questo arduo ed assiduo lavoro, non
si compie con vane velleità, né si esaurisce in desideri e promesse,
ma deve essere un esercizio indefesso e continuo, che porti al rinnovamento dello
spirito; deve essere un esercizio di pietà, che riferisca tutto alla gloria
di Dio; deve essere esercizio di penitenza, che freni e governi i moti dell’animo;
deve essere atto di carità, che infiammi l’animo di amore verso Dio e verso
il prossimo e stimoli ad opere di misericordia; deve essere infine volontà
operosa di lotta e di fatica per fare tutto ciò che è bene.

Monito di San Pier Crisologo

Il Sacerdote deve dunque
studiarsi di riprodurre nella sua anima tutto ciò che avviene sull’Altare.
Come Gesù Cristo immola se stesso, così il suo Ministro deve immolarsi
con Lui; come Gesù espia i peccati degli uomini, così egli, seguendo
l’arduo cammino dell’ascetica cristiana, deve pervenire alla propria ed altrui purificazione.
Così ammo- nisce San Pier Crisologo: ” Sii sacrificio e Sacerdote di
Dio; non perdere quel che ti diede la Divina Autorità. Rivestiti della stola
della santità; cingiti della cintura della castità; sia Cristo, velo
sulla tua testa; stia la Croce a baluardo sulla tua fronte; apponi al tuo petto il
sacramento della scienza divina; brucia sempre il profumo della orazione; afferra
la spada dello spirito; fa’ del tuo cuore come un altare ed offri così sicuro
il tuo corpo vittima a Dio… Offri la fede, in modo che sia punita la perfidia;
immola il digiuno, perché cessi la voracità; offri in sacrificio la
castità, perché muoia la libidine; poni sull’Altare la pietà,
perché sia deposta l’empietà; invita la misericordia, perché
sia distrutta l’avarizia; e perché scompaia la stoltezza, conviene immolare
la santità: così il tuo corpo sarà la sua ostia, se non sarà
ferito da alcun dardo del peccato “.

La mistica morte in
Cristo

Vogliamo qui ripetere in
modo particolare ai Sacerdoti quanto abbiamo già proposto alla meditazione
di tutti i fedeli nella Enciclica Mediator Dei: ” E’ ben vero che Gesù
Cristo è Sacerdote, ma non per se stesso, bensì per noi, presentando
all’eterno Padre i voti ed i religiosi sensi di tutto il genere umano; Gesù
è vittima, ma per noi, sostituendosi all’uomo peccatore; ora il detto dell’Apostolo:
“Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Gesù Cristo”,
esige da tutti i cristiani di riprodurre in sé, per quanto è in potere
dell’uomo, lo stesso stato d’animo che aveva il Divin Redentore quando faceva il
sacrificio di sé: l’umile sottomissione dello spirito cioè, l’adorazione,
l’onore, la lode ed il ringraziamento alla somma Maestà di Dio; richiede inoltre
di riprodurre in se stessi le condizioni della vittima; l’abnegazione di sé
secondo i precetti del Vangelo, il volontario e spontaneo esercizio della penitenza,
il dolore e l’espiazione dei propri peccati. Esige, in una parola, la nostra mistica
morte in croce col Cristo, in modo da poter dire con Paolo: “Sono confitto con
Cristo in croce”.

Valerci delle ricchezze
del Sangue di Gesù

Sacerdoti e figli diletti,
abbiamo nelle nostre mani un grande tesoro, una preziosissima margherita, le ricchezze
inesauribili del Sangue di Gesù Cristo; avvaliamocene con la più grande
larghezza per essere, con il sacrificio totale di noi stessi offerti al Padre con
Gesù Cristo, i veri mediatori di giustizia ” in quelle cose che riguardano
Dio ” (Eb 5,1), e per meritare che le nostre preghiere siano accette ed impetrino
grazie sovrabbondanti per tutta la Chiesa e per tutte le anime. Solo dopo che saremo
divenuti una sola cosa con Cristo mediante la sua e nostra oblazione, ed avremo elevata
la nostra voce con il coro degli abitanti della celeste Gerusalemme, ” illi
canentes iungimur almae Sionis aemuli “, solo allora corroborati dalla virtù
del Salvatore, potremo scendere sicuri dal monte della santità che avremo
conseguita, per portare a tutti gli uomini la vita e la luce di Dio attraverso il
ministero sacerdotale.

Necessità
della preghiera e della pietà

L’obbligo del Divin
Ufficio

La santità perfetta
richiede anche una continua comunicazione con Dio; e perché questo intimo
contatto che l’anima sacerdotale deve stabilire con Dio non fosse mai interrotto
nella successione dei giorni e delle ore, la Chiesa ha fatto obbligo al Sacerdote
di recitare l’Ufficio Divino. Essa ha in tal modo raccolto fedelmente il precetto
del Signore: ” Bisogna pregare sempre e non stancarsi ” (Lc 18,1).
La Chiesa, come non cessa mai di pregare, così desidera ardentemente che i
suoi figli facciano lo stesso, ripetendo la parola dell’Apostolo: ” Per Lui
adunque offriamo sempre a Dio l’ostia di lode, cioè il frutto delle labbra,
che confessino il suo nome ” (Eb 13,15). Ai Sacerdoti essa ha commesso il compito
particolare di consacrare a Dio, pregando anche a nome del popolo, tutto il tempo
e tutte le circostanze.

Voce di Cristo e della
Chiesa

Conformandosi a questa
disposizione, il Sacerdote continua a fare nel corso dei secoli quello che fece Cristo,
il quale ” nei giorni della sua carne, avendo offerto preghiere e suppliche
con grande grido… fu esaudito per la sua reverenza ” (Eb 5,7). Questa preghiera
ha una efficacia singolare, perché è fatta in nome di Cristo ”
per il Signor Nostro Gesù Cristo ” il quale è nostro mediatore
presso il Padre, ed a Lui presenta incessantemente la sua soddisfazione, i suoi meriti,
ed il prezzo sommo del suo Sangue. Essa è veramente la ” voce di Cristo
“, il quale ” prega per noi quale nostro Sacerdote, prega in noi quale
nostro Capo “. E’ parimente sempre la ” voce della Chiesa ” che riassume
i voti ed i desideri di tutti i fedeli, i quali, associati alla voce ed alla fede
del Sacerdote, lodano Gesù Cristo e, per mezzo di Lui, ringraziano l’Eterno
Padre e ne impetrano gli aiuti necessari nelle vicende di ogni giorno e di ogni ora.
In tal modo si ripete per mezzo dei Sacerdoti quel che Mosè fece sul Monte
Sinai, quando, levate le braccia al Cielo, parlava a Dio e ne otteneva misericordia
a favore del suo popolo, che penava nella valle sottostante.

Mezzi efficienti di
santificazione

L’Ufficio Divino è
anche un mezzo quanto mai efficace di santificazione. Non è infatti soltanto
una recita di formule, né di cantici da eseguirsi con arte; non si tratta
soltanto del rispetto di certe norme, dette rubriche, o di cerimonie esterne del
culto: ma si tratta piuttosto dell’elevazione della mente e dell’anima a Dio perché
si uniscano all’armonia degli spiriti beati; elevazione che suppone quelle disposizioni
interiori ricordate al principio dell’Ufficio Divino: ” degnamente, attentamente,
devotamente “.

Avere le intenzioni
stesse di Gesù

E’ perciò necessario
che il Sacerdote preghi con la stessa intenzione del Redentore. E’ dunque quasi la
stessa voce del Signore, il quale, tramite il suo Sacerdote, continua ad implorare
dalla clemenza del Padre i benefici della Redenzione; è la voce del Signore,
cui si associano le schiere degli Angeli e dei Santi in Cielo e dei fedeli tutti
sulla terra, per glorificare debitamente Dio; è la voce stessa di Cristo nostro
avvocato, attraverso la quale ci vengono ottenuti gli immensi tesori dei suoi meriti.

La meditazione accurata
del Breviario

Meditate perciò
attentamente quelle verità feconde che lo Spirito Santo ci elargisce nelle
Sacre Scritture e che gli scritti dei Padri e dei Dottori commentano. Mentre le vostre
labbra ripetono le parole dettate dallo Spirito Santo, studiatevi di non perdere
nulla di tanto tesoro e, affinché nella vostra anima sia viva l’eco della
voce di Dio, allontanate con cura quanto può distrarvi e raccogliete i vostri
pensieri, in modo da attendere più facilmente e con maggior frutto alla contemplazione
delle verità eterne.

Seguire il ciclo liturgico

Nella Nostra Enciclica
Mediator Dei, abbiamo diffusamente spiegato a quale scopo il ciclo liturgico rievochi
e rappresenti ordinatamente, durante l’anno, i Misteri di Nostro Signor Gesù
Cristo, e celebri le Feste della Beata Vergine e dei Santi. Quegli insegnamenti,
che abbiamo impartito a tutti perché a tutti utilissimi, devono essere meditati
specialmente da voi, o Sacerdoti; voi, che con il Sacrificio Eucaristico e con il
Divino Ufficio, avete una parte tanto importante nello svolgimento del ciclo liturgico.
Perché progrediscano sempre più speditamente nella via della santità,
la Chiesa raccomanda vivamente ai Sacerdoti, oltre che la celebrazione del Sacrificio
Eucaristico e la recita del Divino Ufficio, anche altri esercizi di pietà.
Intorno ad essi giova proporre qualche cosa alla vostra considerazione.

La contemplazione delle
cose celesti…

La Chiesa ci esorta innanzi
tutto alla meditazione, la quale solleva l’anima alla contemplazione delle cose celesti,
la guida verso Dio, e la fa vivere in quell’atmosfera soprannaturale di pensieri
e di affetti che costituiscono la migliore preparazione ed il più fruttuoso
ringraziamento alla Santa Messa. La meditazione inoltre dispone l’anima a gustare
e comprendere le bellezze della liturgia, e le fa contemplare le verità eterne
ed i mirabili esempi ed insegnamenti del Vangelo. Ora a questo il Sacerdote deve
continuamente mirare per riprodurre in se stesso le virtù del Redentore.

…e dei misteri della
vita di Gesù

Ma come il cibo materiale
non alimenta la vita, non la sostenta, non la accresce, se non è convenientemente
assimilato, così il Sacerdote non può acquistare il dominio di se stesso
e dei suoi sensi, né purificare il suo spirito, né tendere – come deve
– alla virtù, né, infine, compiere con alacre fedeltà e con
frutto i doveri del suo sacro ministero, se non avrà approfondito, con meditazione
assidua ed incessante, i misteri del Redentore Divino, modello supremo della vita
sacerdotale e fonte inesauribile di santità.

Danni gravi per chi
la trascura

Stimiamo pertanto essere
grave Nostro obbligo di esortarvi alla pratica della meditazione quotidiana, pratica
raccomandata al Clero anche dal Codice di Diritto Canonico. Come infatti lo stimolo
alla perfezione sacerdotale è alimentato e rinforzato dalla meditazione quotidiana,
così dal trascurare e negligere questa pratica, trae origine la tiepidezza
dello spirito, per cui la pietà diminuisce e langue, e non soltanto cessa
od è ritardato l’impulso alla santificazione personale, ma tutto il ministero
sacerdotale soffre non lievi danni. Perciò si deve con fondamento asserire
che nessun altro mezzo ha l’efficacia particolare della meditazione, e che la pratica
quotidiana di essa è quindi insostituibile.

Preghiere varie e spirito
di orazione

Dall’orazione mentale non
sia poi disgiunta l’orazione vocale e le altre forme di preghiera privata che, nella
particolare condizione di ciascuno, giovino ad attuare l’unione dell’anima con Dio.
Si deve però tener presente: più che le molteplici preghiere, vale
la pietà ed il vero ed ardente spirito di orazione. Questo ardente spirito
di orazione, se mai in altri tempi, oggi specialmente è necessario, quando
il così detto ” naturalismo ” ha invaso le menti e gli animi, e
la virtù è esposta a pericoli di ogni genere, pericoli che talvolta
s’incontrano nell’esercizio dello stesso ministero. Che cosa vi potrà meglio
premunire da queste insidie, che cosa potrà meglio elevare l’anima alle cose
celesti e tenerla unita con Dio, che la assidua preghiera e la invocazione del divino
aiuto?

Ardente devozione alla
Madonna

E poiché i Sacerdoti
possono essere chiamati a titolo tutto particolare figli di Maria, essi non potranno
fare a meno di nutrire verso la Vergine un’ardente devozione, di invocarla con fiducia,
di implorare con frequenza la sua valida protezione. Ogni giorno perciò, come
la Chiesa stessa raccomanda, reciteranno il Santo Rosario, che proponendo alla nostra
meditazione anche i misteri del Redentore, ci conduce ” a Gesù per mezzo
di Maria “.

La visita quotidiana
al Santissimo Sacramento

Il Sacerdote poi, prima
di chiudere la sua giornata di lavoro, si recherà presso il Tabernacolo ed
ivi si tratterrà alquanto per adorare Gesù nel suo Sacramento di amore,
per riparare alla ingratitudine di troppi verso così grande Sacramento, per
accendersi sempre più dell’amore di Dio, e per rimanere in qualche modo anche
durante il tempo del riposo notturno, che richiama alla mente il silenzio della morte,
alla presenza del Cuore di Cristo.

L’esame di coscienza

Né ometta il cotidiano
esame di coscienza, che è il mezzo più efficace sia per rendersi conto
dell’andamento della vita spirituale durante il giorno, sia per rimuovere gli ostacoli
che intralciano o ritardano il progresso nella virtù, sia infine per conoscere
i mezzi più idonei ad assicurare al ministero sacerdotale maggiori frutti
e per implorare dal Padre Celeste indulgenza sulle nostre miserie.

La Confessione frequente

Questa indulgenza ed il
perdono dei peccati ci sono concessi nel Sacramento della Penitenza, capolavoro della
bontà di Dio, per soccorrerci nella nostra fragilità. Non avvenga mai,
diletti figli, che proprio il Ministro di questo Sacramento di riconciliazione si
astenga da esso. La Chiesa, come sapete, in questa materia dispone: ” Vigilino
gli Ordinari perché i chierici tutti detergano frequentemente le macchie della
propria coscienza con il Sacramento della Penitenza “. Benché Ministri
di Cristo, siamo tuttavia deboli e miseri; come potremo dunque ascendere l’altare
e trattare i sacri misteri, se non procureremo di purificarci il più spesso
possibile? Con la Confessione frequente ” si accresce la retta conoscenza di
se stesso, si sviluppa la cristiana umiltà, si sradica la perversità
dei costumi; si resiste alla negligenza ed al torpore spirituale, si purifica la
coscienza, si rinvigorisce la volontà, si procura la salutare direzione delle
coscienze e si aumenta la grazia in forza dello stesso sacramento “.

La direzione spirituale

E qui viene opportuna anche
un’altra raccomandazione: che nell’affrontare e procedere nella vita spirituale non
vi fidiate di voi stessi, ma con semplicità e docilità chiediate ed
accettiate l’aiuto di chi con sapiente moderazione può guidare l’anima vostra,
indicarvi i pericoli, suggerirvi i rimedi idonei, ed in tutte le difficoltà
interne ed esterne vi può dirigere rettamente ed avviarvi a perfezione sempre
maggiore, secondo l’esempio dei Santi e gli insegnamenti dell’ascetica cristiana.
Senza questa prudente guida della coscienza, in via ordinaria è assai difficile
assecondare convenientemente gli impulsi dello Spirito Santo e delle grazie divine.

Gli esercizi spirituali

Desideriamo ardentemente
infine raccomandare a tutti la pratica degli esercizi spirituali. Quando noi ci segreghiamo
per alcuni giorni dalle consuete occupazioni e dall’ambiente abituale e ci ritiriamo
nella solitudine e nel silenzio, allora più attentamente prestiamo orecchio
alla voce di Dio, e questa penetra più profondamente nell’animo nostro. Gli
Esercizi, mentre ci richiamano ad un più diligente compimento dei doveri del
nostro ministero, con la contemplazione dei Misteri del Redentore rafforzano la nostra
volontà affinché ” serviamo a Lui in santità e giustizia
in tutti i nostri giorni ” (Lc 1,74.75).

II Parte

La santità nel Sacro Ministero

Sul monte Calvario è
stato aperto al Redentore il Costato, dal quale fluì il suo Sangue sacro,
che scorre nel corso dei secoli qual torrente inondante, per purificare le coscienze
degli uomini, espiare i loro peccati ed impartire ad essi i tesori della salvezza.

Il Sacerdote dispensatore
dei Misteri di Dio

Alla esecuzione di sì
sublime ministero sono destinati i sacerdoti. Essi infatti non soltanto conciliano
e comunicano la grazia di Cristo alle membra del suo Corpo mistico, ma sono anche
gli organi di sviluppo del medesimo Corpo mistico, perché essi devono dare
alla Chiesa sempre nuovi figli, educarli, coltivarli, guidarli. Essi sono ”
dispensatori dei misteri di Dio ” (1 Cor 4,1); devono perciò servire
a Gesù Cristo con perfetta carità, e consacrare tutte le proprie forze
alla salvezza dei fratelli. Essi sono gli apostoli della luce: devono perciò
illuminare il mondo con la dottrina del Vangelo, ed essere così forti nella
fede, da poterla comunicare agli altri, e seguire gli esempi e gli insegnamenti del
Divino Maestro, per poter condurre tutti a Lui. Sono gli apostoli della grazia e
del perdono; devono perciò consacrarsi totalmente alla salvezza degli uomini
ed attirarli all’altare di Dio perché si nutrano del pane della vita eterna.
Sono gli apostoli della carità: devono quindi promuovere le opere di carità,
tanto più urgenti oggi che i bisogni degli indigenti sono enormemente cresciuti.

Le varie forme dell’apostolato
moderno

Il Sacerdote deve inoltre
adoperarsi affinché i fedeli comprendano giustamente la dottrina della ”
Comunione dei Santi “, la sentano, la vivano; si serva a tal fine di opere quali
l’apostolato liturgico e l’apostolato della preghiera. Deve poi promuovere tutte
quelle forme di apostolato, che oggi, per le speciali necessità del popolo
cristiano, sono di tanta importanza e di tanta urgenza. Si adoperi pertanto per la
diffusione dell’insegnamento catechistico, per lo sviluppo e la diffusione dell’Azione
Cattolica e dell’Azione Missionaria: e, mediante l’opera di laici ben preparati e
formati, dia incremento a quelle iniziative di apostolato sociale che il nostro tempo
richiede.

Esercitare l’apostolato
in unione con Cristo

Ricordi tuttavia il Sacerdote
che il suo ministero sarà tanto più fecondo, quanto più strettamente
egli sarà unito a Cristo e sarà guidato nell’azione dallo spirito di
Cristo. Allora, la sua attività non si ridurrà ad un movimento e ad
un’agitazione puramente naturali, che affatichino il corpo e lo spirito e che espongano
lo stesso Sacerdote a deviazioni dannose a sé ed alla Chiesa: ma il suo lavoro
e le sue fatiche saranno fecondati e corroborati da quei carismi di grazia che Dio
nega ai superbi, ma concede largamente a coloro i quali, operando in umiltà
nella ” vigna del Signore “, non cercano se stessi ed il proprio tornaconto
(cf 1 Cor 10,33), sebbene la gloria di Dio e la salvezza delle anime. Pertanto, fedele
all’insegnamento del Vangelo, non confidi in se stesso e nelle proprie forze, ma
riponga la sua fiducia nell’aiuto del Signore: ” Non è nulla né
colui che pianta, né colui che irriga; ma Dio che dà il crescere ”
(1 Cor 3,7).

Riproducendo in se stessi
la sua immagine

Quando l’apostolato sia
così ordinato ed ispirato, non potrà non avvenire che il Sacerdote
attiri a sé, con forza quasi divina, gli animi di tutti. Riproducendo egli
nei suoi costumi e nella sua vita quasi una viva immagine di Cristo, tutti coloro
che a lui si rivolgono come a maestro, riconosceranno, spinti da interna persuasione,
che egli non dice parole sue, ma parole di Dio, e non agisce per propria virtù,
ma per virtù di Dio. ” Chi parla, come parole di Dio; chi ha un ministero,
come per una virtù comunicata da Dio ” (1 Pt 4,11). Nel tendere alla
santità e nell’esercitare con somma diligenza il suo ministero, il Sacerdote
deve sforzarsi di rappresentare Cristo così perfettamente da poter, con tutta
modestia, ripetere le parole dell’Apostolo delle Genti: ” Siate miei imitatori,
come io lo sono di Cristo ” (1 Cor 4,16).

Guardarsi dall’eresia
dell’azione

Per queste ragioni, mentre
diamo la dovuta lode a quanti, nel faticoso assetto di questo dopoguerra, spinti
dall’amore verso Dio e dalla carità verso il prossimo, sotto la guida e seguendo
l’esempio dei loro Vescovi, hanno consacrato tutte le loro forze a sollievo di tante
miserie, non possiamo astenerci dall’esprimere la Nostra preoccupazione, e la Nostra
ansietà per coloro i quali, per le speciali circostanze del momento, si sono
ingolfati nel vortice dell’attività esteriore, così da negligere il
principale dovere del Sacerdote, che è la santificazione propria. Abbiamo
già detto in pubblico documento che devono essere richiamati a più
retto sentire quanti presumono che si possa salvare il mondo attraverso quella che
è stata giustamente chiamata ” l’eresia dell’azione “: di quell’azione,
che non ha le sue fondamenta nell’aiuto della grazia, e non si serve costantemente
dei mezzi necessari al conseguimento della santità, dataci da Cristo. Allo
stesso modo abbiamo però stimolato alle opere di ministero coloro che, chiusi
in se stessi e quasi diffidenti della efficacia del divino aiuto, non si adoperano,
secondo le proprie possibilità, a far penetrare lo spirito cristiano nella
vita quotidiana, in tutte quelle forme che sono richieste dai nostri tempi.

Impegnarsi interamente
alla salvezza delle anime

Vi esortiamo quindi ardentemente
affinché, strettamente uniti al Redentore, con il cui aiuto possiamo ogni
cosa (cf Fil 4,13), vi adoperiate con tutta sollecitudine per la salvezza di coloro
che la Provvidenza ha affidato alle vostre cure. Come ardentemente desideriamo, o
diletti figli, che emuliate quei santi i quali, nei tempi passati, con le loro grandi
opere hanno dimostrato che cosa possa la potenza della grazia divina. Che tutti e
ciascuno, in umiltà e sincerità possiate sempre attribuirvi – testimoni
i vostri fedeli – il detto dell’Apostolo: ” Io volentierissimo sacrificherò
il mio, anzi me stesso per le anime vostre ” (2 Cor 12,15). Illuminate le menti,
dirigete le coscienze, confortate e sostenete le anime che si dibattono nel dubbio
e gemono nel dolore. A queste forme di apostolato, unite pure tutte quelle altre
che le necessità dei tempi esigono. Ma sia sempre a tutti manifesto che il
Sacerdote, in tutte le sue attività, niente altro cerca all’infuori del bene
delle anime, non ad altro mira, che a Cristo, al quale consacra le sue forze e tutto
se stesso.

Seguire gli esempi del
Redentore

Al modo stesso che per
spronarvi alla santificazione personale vi abbiamo esortato a riprodurre in voi stessi
quasi la viva immagine di Cristo, così ora, per l’efficacia santificatrice
del vostro ministero vi incitiamo a seguire gli esempi del Redentore. Egli, ripieno
di Spirito Santo, ” passò facendo del bene e sanando tutti coloro che
erano oppressi dal demonio, perché Dio era con lui ” (At 10,38). Corroborati
dallo stesso Spirito e spinti dalla sua forza, voi potrete esercitare un ministero
che, alimentato dalla carità cristiana, sarà ricco della virtù
divina e potrà comunicare la stessa virtù agli altri. Il vostro zelo
sia vivificato da quella carità che sopporta tutto con animo sereno, che non
si lascia vincere dalle avversità e che abbraccia tutti, poveri e ricchi,
amici e nemici, fedeli ed infedeli. Questa diuturna fatica e questa quotidiana pazienza
richiedono da voi le anime, per la salvezza delle quali il nostro Salvatore subì
pazientemente dolori e tormenti fino alla morte, per restituirci all’amicizia divina.
E’ questo, e ben lo sapete, il più grande dei beni. Non fatevi perciò
prendere da smoderato desiderio di successo, né lasciatevi disarmare se, dopo
assiduo lavoro, non raccogliete i frutti desiderati: ” Uno semina ed un altro
raccoglie ” (Gv 4,37).

Con carità benigna

Splenda inoltre il vostro
zelo di carità benigna. Se infatti è necessario – ed è dovere
di tutti – combattere l’errore e respingere il vizio, l’animo del Sacerdote tuttavia
deve essere sempre aperto alla compassione. Bisogna combattere con tutte le forze
l’errore, ma amare intensamente il fratello che erra, e condurlo alla salvezza. Quanto
bene non hanno fatto, quante mirabili opere non hanno compiuto i Santi con la loro
benignità, anche in ambienti traviati dalla menzogna e degradati dal vizio.
Certo, tradirebbe il suo ministero colui il quale, per piacere agli uomini, ne blandisse
le malsane inclinazioni od indulgesse al loro non retto modo di pensare e di agire,
con pregiudizio della dottrina cristiana e della integrità dei costumi. Quando
tuttavia sono salvi gli insegnamenti del Vangelo, e gli erranti sono mossi da desiderio
sincero di tornare sulla retta via, allora il Sacerdote deve ricordare la risposta
del Signore a Pietro che gli domandava quante volte si sarebbe dovuto perdonare al
fratello: ” Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette ”
(Mt 18,22).

Essere disinteressati

Il vostro zelo deve aver
per oggetto non le cose terrene e caduche, ma le eterne. Il proposito dei Sacerdoti
che aspirano alla santità deve essere questo: lavorare unicamente per la gloria
e la salvezza delle anime. Quanti Sacerdoti, anche nelle gravi strettezze del nostro
tempo, hanno avuto come norma gli esempi ed i moniti dell’Apostolo delle Genti, il
quale si teneva contento del minimo indispensabile: ” Avendo gli alimenti e
di che coprirci, contentiamoci di questo ” (1 Tm 6,8).
Per questo disinteresse e questo distacco dalle cose terrene, congiunti alla fiducia
nella Divina Provvidenza, e che sono degni della massima lode, il ministero sacerdotale
ha dato alla Chiesa frutti ubertosi di bene spirituale e sociale.

Perfezionare la propria
cultura

Questo zelo operoso infine
deve essere illuminato dalla luce della sapienza e della disciplina e infiammato
dalla vampa della carità. Chiunque si prefigga la santificazione propria ed
altrui, deve essere fornito di solida dottrina, che comprenda non soltanto la teologia,
ma anche la sana cultura moderna profana, affinché, come buon padre di famiglia,
possa trarre ” dal suo tesoro cose nuove ed antiche ” (cf Mt 13,52), e
rendere sempre più apprezzato e fecondo il suo ministero. Ed innanzi tutto
la vostra attività si ispiri e sia fedelmente conforme alle prescrizioni di
questa Sede Apostolica ed alle direttive dei Vescovi. Non avvenga mai, diletti figli,
che rimangano morte, o per cattiva direzione non rispondano alle necessità
dei fedeli, tutte quelle nuove forme di apostolato, che sono oggi tanto opportune
specialmente nelle regioni dove il clero non è sufficientemente numeroso.

Rafforzare lo zelo operoso

Si accresca adunque ogni
giorno questo vostro zelo operoso, sostenga la Chiesa di Dio, sia di esempio ai fedeli
e costituisca un potente baluardo contro cui si infrangano gli attacchi dei nemici
di Dio.

Compiacimento per i
direttori di spirito

Desideriamo poi esprimere
il Nostro compiacimento in modo particolare a quei Sacerdoti i quali, con umiltà
e con ardente carità, attendono alla santificazione dei Confratelli, come
consiglieri o come confessori o come direttori spirituali. Il bene incalcolabile
che essi rendono alla Chiesa rimane per lo più nascosto, ma sarà un
giorno manifesto nel regno della gloria divina.

Si modellino su San
Giuseppe Cafasso

Noi che, non sono ancor
molti anni, con intima soddisfazione dell’animo Nostro abbiamo decretato gli onori
degli altari al Sacerdote torinese Giuseppe Cafasso – il quale in tempi difficilissimi
fu guida spirituale, sapiente e santa, di non pochi Sacerdoti, che fece progredire
nella virtù, e di cui rese particolarmente fecondo il sacro ministero – nutriamo
piena fiducia che anche per il suo valido patrocinio, il Divin Redentore susciti
numerosi Sacerdoti di pari santità, i quali sappiano condurre se stessi ed
i propri Confratelli a così eccelsa perfezione di vita che i fedeli, ammirando
i loro esempi, si sentano spontaneamente mossi ad imitarli.

Parte
III

Norme pratiche

Abbiamo finora esposto
le principali verità e le norme fondamentali, sulle quali si basano il sacerdozio
cattolico e l’esercizio del suo ministero. A queste verità ed a queste norme
si conformano diligentemente, nella loro pratica quotidiana, tutti i santi Sacerdoti,
mentre hanno violato gli obblighi contratti con la sacra ordinazione tutti i disertori
ed i transfughi.

Principio fondamentale:
adattarsi ai tempi

Ora tuttavia, perché
questa Nostra paterna esortazione sia più efficace, stimiamo opportuno indicare
più partitamente alcune cose che hanno riferimento con la pratica della vita
quotidiana. Ciò è tanto più necessario, perché nella
vita moderna si verificano alcune situazioni e si presentano in modo nuovo alcune
questioni, che richiedono più diligente studio e più attente cure.
Intendiamo perciò esortare tutti i Sacerdoti, ed in modo particolare i Vescovi,
affinché provvedano con ogni sollecitudine a promuovere tutto quanto è
necessario nei nostri tempi ed a correggere quanto si allontani dalla giusta via.

Formazione del Clero

Sacerdoti Secolari e
Religiosi uniti nell’intento del bene della Chiesa

Dopo le lunghe e varie traversie della recente guerra, il numero dei Sacerdoti, sia
nei paesi cattolici, sia nelle Missioni, è divenuto impari alle sempre crescenti
necessità. Esortiamo pertanto tutti i Sacerdoti, sia quelli del Clero diocesano,
sia quelli appartenenti ad Ordini o Congregazioni religiose, affiché, stretti
in vincoli di carità fraterna, procedano in unione di forze e di volontà
verso la meta comune, che è il bene della Chiesa, la santificazione propria
e dei fedeli. Tutti, anche i Religiosi che vivono nel ritiro e nel silenzio, devono
contribuire alla efficacia dell’apostolato sacerdotale, con la preghiera e con il
sacrificio: e quanti possono, anche con l’azione.

Reclutare nuovi operai

Ma è anche necessario
reclutare, con l’aiuto della grazia divina, altri operai. Noi richiamiamo quindi
l’attenzione specialmente degli Ordinari e di quanti sono in cura d’anime su questo
importantissimo problema che è intimamente connesso con l’avvenire della Chiesa.
E’ vero che la Chiesa non mancherà mai dei Sacerdoti necessari alla sua missione;
occorre tuttavia essere vigilanti, memori della parola del Signore: ” La messe
è molta, ma gli operai sono pochi ” (Lc 10,2), ed usare ogni diligenza
per dare alla Chiesa numerosi e santi ministri.

Pregare per le vocazioni

Lo stesso Signor nostro
ci indica la via più sicura per avere numerose vocazioni: ” Pregate il
padrone della messe, affinché mandi operai per la sua messe ” (Lc 10,2);
la preghiera umile e fiduciosa a Dio.

Suscitare grande stima
per il Sacerdozio

E’ però necessario
che gli animi di coloro che sono chiamati da Dio siano preparati all’impulso ed all’azione
invisibile dello Spirito Santo; ed a questo fine è prezioso il contributo
che possono dare i genitori cristiani, i parroci, i confessori, i superiori dei Seminari,
i Sacerdoti e tutti i fedeli che hanno a cuore le necessità e l’incremento
della Chiesa. I Ministri di Dio procurino, non soltanto nella predicazione e nell’istruzione
catechistica, ma anche nelle private conversazioni, di dissipare i pregiudizi ora
tanto diffusi contro lo stato sacerdotale, mostrandone la eccelsa dignità,
la bellezza, la necessità e l’alto merito. Ogni padre e madre cristiani, a
qualunque ceto sociale appartengano, devono pregare Dio affinché li faccia
degni che almeno uno dei loro figlioli sia chiamato al suo servizio. Tutti i cristiani,
infine, devono sentire il dovere di favorire ed aiutare coloro che si sentono chiamati
al sacerdozio.

Specialmente con la
santità della vita

La scelta dei candidati
al sacerdozio, che il Codice di Diritto Canonico raccomanda ai pastori di anime,
deve costituire l’impegno particolare di tutti i Sacerdoti, i quali, non solo devono
rendere umili e generose grazie a Dio per il dono inestimabile ricevuto, ma devono
altresì non aver niente di più caro e di gradito che di trovare e prepararsi
un successore, tra quei giovani che conoscono forniti delle doti necessarie. Per
riuscire più efficacemente in questo scopo, ogni Sacerdote deve sforzarsi
di essere e di mostrarsi come un esempio di vita sacerdotale, che per i giovani che
avvicina e nei quali scorga i segni della divina chiamata, possa costituire un ideale
da imitare.

Selezione oculata e
prudente

Questa selezione oculata
e prudente si svolga sempre e dovunque; non soltanto tra i giovani che sono già
nel Seminario, ma anche tra quelli che compiono altrove i loro studi, ed in modo
particolare tra quelli che prestano la loro opera nelle varie attività dell’apostolato
cattolico. Questi, anche se giungono al sacerdozio in età avanzata, sono spesso
forniti di maggiori e più solide virtù, essendo stati sperimentati
ed avendo rafforzato il loro animo al contatto delle difficoltà della vita
ed avendo già collaborato in un campo che rientra nelle finalità dell’azione
sacerdotale.

Esame delle vocazioni…

Bisogna però sempre
esaminare con diligenza i singoli aspiranti al sacerdozio, per vedere con quali intenzioni
e per quali cause abbiano preso questa risoluzione. In modo speciale, quando si tratta
di fanciulli, bisogna indagare se essi siano forniti delle necessarie doti morali
e fisiche, e se aspirino al sacerdozio unicamente per la sua dignità e per
l’utilità spirituale propria ed altrui.

…e delle qualità
fisiche dei candidati

Voi conoscete, Venerabili
Fratelli, quali sono le condizioni di idoneità morale che la Chiesa richiede
nei giovani che aspirino al sacerdozio, e reputiamo superfluo trattenerCi su questo
argomento. Richiamiamo invece la vostra attenzione sulle condizioni di idoneità
fisica; ciò tanto più che la recente guerra ha lasciato tracce funeste
ed ha perturbato in vari modi la giovane generazione. Si esaminino dunque con particolare
attenzione le qualità fisiche dei candidati, ricorrendo, se necessario, anche
all’esame di un medico prudente.
Con questa scelta delle vocazioni, fatta con zelo e con prudenza, Noi confidiamo
che sorga dovunque una eletta e folta schiera di candidati al sacerdozio.

Cura
delle vocazioni

E’ un grave dovere

Se molti sacri Pastori
sono preoccupati della diminuzione delle vocazioni, da non minore preoccupazione
essi sono presi quando si tratta di curare i giovani che sono già entrati
in Seminario. Conosciamo, Venerabili Fratelli, quanto ardua sia quest’opera e quante
difficoltà presenti; ma dal compimento di sì grave dovere avrete grandissima
consolazione, in quanto, come ricorda il Nostro Predecessore Leone XIII, ” dalle
cure e dalle sollecitudini poste nel formare i Sacerdoti, avrete frutti sommamente
desiderabili, e sperimenterete che il vostro officio episcopale sarà più
facile ad essere esercitato, molto più fecondo di frutti “.
Stimiamo pertanto opportuno di darvi alcune norme, suggerite dalla necessità,
oggi più sentita che mai, di educare santi Sacerdoti.

L’ambiente sia sano
e sereno

Innanzi tutto bisogna ricordare
che gli alunni dei Seminari minori sono adolescenti separati dall’ambiente naturale
della famiglia. E’ necessario dunque che la vita che i ragazzi conducono nei Seminari
corrisponda, per quanto è possibile, alla vita normale dei ragazzi; sarà
data quindi grande importanza alla vita spirituale, ma in forma adeguata alla loro
capacità ed al loro grado di sviluppo, che tutto si svolga in un ambiente
sano e sereno. Tuttavia anche in questo si osservi ” la giusta misura e moderazione
“, in modo che non accada che coloro i quali devono essere formati alla abnegazione
ed alle virtù evangeliche, ” vivano in case sontuose, nei piaceri e nei
comodi “.

Formare il carattere
al senso della responsabilità

Si deve curare in modo
particolare la formazione del carattere di ciascun ragazzo, sviluppando in esso il
senso di responsabilità, la capacità di giudizio, lo spirito di iniziativa.
Perciò coloro che dirigono i Seminari, dovranno ricorrere con moderazione
ai mezzi coercitivi, alleggerendo, man mano che i giovani crescono di età,
il sistema della rigorosa sorveglianza e delle restrizioni, avviando i giovani stessi
a guidarsi da sé ed a sentire la responsabilità delle proprie azioni.
Concedano una certa libertà di azione in determinate iniziative, abituino
gli alunni alla riflessione, perché divenga ad essi più facile l’assimilazione
delle verità teoriche e pratiche; né temano di tenerli al corrente
degli avvenimenti del giorno, che anzi, oltre a fornire loro gli elementi necessari
perché possano formarsene ed esprimere un retto giudizio, non sfuggano le
discussioni su di essi, per aiutarli ed abituarli a giudicare e valutare con equilibrio.

Istillare orrore per
la doppiezza

In questo modo i giovani
sono indirizzati all’onestà e alla lealtà, alla stima della fermezza
e della dirittura del carattere ed alla avversione per ogni forma di doppiezza. Quanto
più essi saranno sinceri e schietti, tanto meglio potranno essere conosciuti
e ben guidati dai Superiori nel difficile esame della vocazione.
Non isolare interamente dal mondo
Se i giovani – specialmente quelli che sono entrati in Seminario in tenera età
– sono formati in un ambiente troppo avulso dal mondo, quando poi usciranno dal Seminario
potranno trovare serie difficoltà nelle relazioni sia col popolo, sia con
il laicato colto, e può quindi succedere o che prendano un atteggiamento errato
e falso verso i fedeli, o che considerino sfavorevolmente la fomazione ricevuta.
Per questo motivo, bisogna diminuire gradatamente e con la dovuta prudenza, il distacco
tra il popolo ed il futuro sacerdote, affinché quando egli, ricevuto il sacro
Ordine, inizierà il suo ministero, non abbia a sentirsi disorientato: ciò
che non soltanto sarebbe dannoso al suo spirito ma nuocerebbe anche all’efficacia
del suo lavoro.

La formazione intellettuale,
letteraria e scientifica…

Altra grave cura dei Superiori
è la formazione intellettuale degli alunni. Voi avete presenti, Venerabili
Fratelli, gli ordinamenti e le disposizioni che questa Sede Apostolica ha dato in
proposito, e che Noi medesimi abbiamo raccomandato a tutti fin dal primo incontro
che avemmo con gli alunni dei Seminari e dei Collegi di Roma all’inizio del Nostro
Pontificato.

…non inferiore a quella
dei laici

Qui vogliamo anzitutto
raccomandare che la cultura letteraria e scientifica dei futuri Sacerdoti sia per
lo meno non inferiore a quella dei laici che frequentano analoghi corsi di studi.
In tal modo, non solo sarà assicurata la serietà della formazione intellettuale,
ma sarà anche facilitata la selezione dei soggetti. I Seminaristi si sentiranno
più liberi nella scelta dello stato, e sarà allontanato il pericolo
che, per mancanza di una sufficiente preparazione culturale, la quale possa assicurare
una sistemazione nel mondo, qualcuno si senta in certo modo spinto a proseguire una
via che non è la sua, seguendo il ragionamento del fattore infedele: ”
Fodere non valeo, mendicare erubesco ” (Lc 16,3). Se poi accadesse che qualcuno,
su cui si erano concepite buone speranze per la Chiesa, si allontani dal Seminario,
ciò non deve preoccupare, perché il giovane che è riuscito a
trovare la sua via, in seguito non potrà non ricordarsi dei benefici ricevuti
in Seminario, e con la sua attività potrà arrecare un notevole contributo
di bene alle opere del laicato cattolico.

Necessità della
dottrina filosofica e teologica

Nella formazione intellettuale
dei giovani seminaristi, pur non trascurando anche gli altri studi, fra cui ricordiamo
quelli attinenti ai problemi sociali, oggi tanto necessari, si dia la massima importanza
alla dottrina filosofica e teologica ” a norma del Dottore Angelico “,
adeguata ai tempi e informata degli errori moderni. Lo studio di tali discipline
è di somma importanza e utilità sia per lo spirito dello stesso Sacerdote
che per il popolo. I maestri di vita spirituale infatti affermano che lo studio delle
scienze sacre, purché esse siano impartite nel debito modo e con retti sistemi,
è un aiuto efficacissimo per conservare e alimentare lo spirito di fede, frenare
le passioni, mantenere l’anima unita a Dio. Si aggiunga che il Sacerdote, il quale
è ” sale della terra ” e ” luce del mondo ” (cf Mt 5,13.14),
deve prodigarsi nella difesa della fede predicando il Vangelo e confutando gli errori
delle avverse dottrine che oggi vengono disseminate tra il popolo con ogni mezzo.
Ma non si possono efficacemente combattere tali errori, se non si conoscono a fondo
gli inconcussi principii della filosofia e della teologia cattolica.

Seguire il metodo scolastico

A tal proposito non è
fuori luogo ricordare che il metodo scolastico ha una particolare efficacia per dare
concetti chiari e mostrare come le dottrine affidate, qual sacro deposito, alla Chiesa
maestra dei cristiani, siano tra loro organicamente connesse e coerenti. Non mancano
oggi di quelli che, allontanandosi dagli insegnamenti del Magistero Ecclesiastico
e trascurando la chiarezza e la precisione delle idee, non soltanto si allontanano
dal sano metodo scolastico, ma aprono la via ad errori e confusioni, come una triste
esperienza dimostra.
Ad impedire pertanto che negli studi ecclesiastici si debbano lamentare ondeggiamenti
e incertezze, vi esortiamo, Venerabili Fratelli, a vigilare assiduamente affinché
le norme precise date da questa Sede Apostolica per tali studi siano fedelmente accolte
e tradotte in atto.

Formazione
spirituale e morale

La scienza da sola può
essere nociva

Se con tanta sollecitudine
abbiamo raccomandato una valida preparazione intellettuale nel Clero, è facile
comprendere quanto Ci debba stare a cuore la formazione spirituale e morale dei giovani
chierici, senza la quale anche una scienza eminente rimane infruttuosa, anzi può
produrre danni incalcolabili per la superbia e l’orgoglio che insinua nel cuore.
Perciò la Chiesa ansiosamente e sopra ogni cosa vuole che nei Seminari si
pongano solide fondamenta alla santità che il ministro di Dio dovrà
poi sviluppare e praticare per tutta la vita.

I chierici si diano
alla vita interiore

Come già abbiamo
detto per i Sacerdoti, così ora raccomandiamo che i chierici abbiano una convinzione
sincera e profonda della necessità della vita spirituale, e sentano quindi
il dovere di fare ogni sforzo per acquistarla, per conservarla ed accrescerla continuamente.

La loro pietà
sia convinta

Nel corso della giornata,
con ritmo più o meno uniforme, secondo gli orari e i programmi, essi compiono
varie pratiche religiose e partecipano a diversi esercizi di pietà. E’ facile
il pericolo che agli esercizi esterni di pietà non corrisponda un movimento
interiore dell’animo, cosa che può diventare abituale e può anche aggravarsi
quando, fuori di Seminario, il ministro di Dio sarà assillato dalla necessità
dell’azione, spesso travolgente.

Compiano tutto con fede

Pertanto sia posta ogni
cura nel formare i giovani alla vita interiore, che è la vita dello spirito
e secondo lo spirito: che essi compiano tutto alla luce della fede ed in unione con
Cristo, convinti che questo è un grave dovere di coscienza che incombe a chi
un giorno dovrà ricevere il carattere sacerdotale e rappresentare il Divino
Maestro nella Chiesa. La vita interiore sarà per i Seminaristi il mezzo più
efficace per acquistare le virtù sacerdotali, la forza spontanea proveniente
da intima persuasione che fa superare le difficoltà e spinge alla realizzazione
dei santi propositi.

I direttori istillino
in essi le virtù ecclesiastiche…

Coloro che attendono alla
formazione morale dei Seminaristi abbiano sempre di mira il fine, che è quello
di fare acquistare ad essi tutte le virtù che la Chiesa esige nei Sacerdoti.
Di esse abbiamo già trattato in altra parte di questa Esortazione, e quindi
non intendiamo di ritornare sull’argomento; non possiamo però non segnalare
e raccomandare, fra tutte le altre virtù che gli aspiranti al sacerdozio devono
possedere saldamente, quelle sulle quali poggia, come su saldi pilastri, l’edificio
morale del Sacerdote.

…particolarmente la
sottomissione…

E’ necessario che i giovani
acquistino lo spirito di obbedienza abituandosi a sottomettere sinceramente la propria
volontà a quella di Dio, manifestata attraverso la legittima autorità
dei Superiori. Nulla mai si dovrà lamentare nella condotta del futuro Sacerdote
che non sia conforme ai voleri divini. Questa obbedienza sia sempre ispirata al modello
perfetto del Divino Maestro, che in terra ebbe un solo ed unico programma: ”
Fare, o Dio, la tua volontà ” (Eb 10,7).

…sì che diventino
veramente obbedienti al Vescovo

Il futuro Sacerdotale impari
fin dal Seminario a prestare ai Superiori obbedienza filiale e sincera, per essere
sempre pronto, in seguito, a ubbidire docilmente al suo Vescovo secondo l’insegnamento
dell’invitto Confessore di Cristo, Ignazio di Antiochia: ” Obbedite tutti al
Vescovo, come Gesù Cristo al Padre “. ” Chi onora il Vescovo, è
onorato da Dio; chi opera di nascosto del Vescovo serve al demonio “. ”
Non fate niente senza il Vescovo, custodite il vostro corpo come tempio di Dio, amate
l’unione, fuggite le discordie, siate imitatori di Gesù Cristo, come egli
lo fu del Padre suo “.

La castità sia
saldamente posseduta e lungamente provata

Sia usata inoltre ogni
diligenza e sollecitudine affinché i Seminaristi apprezzino, amino e custodiscano
la castità, perché la scelta dello stato sacerdotale e la perseveranza
in esso dipendono in gran parte da tale virtù. Questa, essendo esposta a maggiori
pericoli, deve essere saldamente posseduta e lungamente provata. Si illuminino dunque
i Seminaristi sulla natura del celibato ecclesiastico, della castità che essi
devono osservare, e sugli obblighi che ciò comporta, e si istruiscano poi
circa i pericoli ai quali possono andare incontro. Si ammoniscano di premunirsi contro
di essi fin dalla tenera età, ricorrendo fedelmente ai mezzi che offre l’ascetica
cristiana per frenare le passioni; perché quanto più fermo ed efficace
sarà il dominio di esse, tanto più l’anima potrà progredire
nelle altre virtù e tanto più sicura sarà poi l’azione del loro
ministero sacerdotale. Qualora poi i giovani leviti mostrino a questo riguardo delle
tendenze malsane, e dopo la debita prova si mostrino incorreggibili, è assolutamente
necessario dimetterli dal Seminario almeno prima che accedano agli Ordini Sacri.

Coltivino la divozione
al Santissimo Sacramento e alla Madonna

Queste, e tutte le altre
virtù del Sacerdote, potranno essere facilmente acquistate e tenacemente possedute
dai Seminaristi, se fin dalla prima età essi avranno appresa e coltivata una
sincera e tenera devozione a Gesù presente ” veramente, realmente e sostanzialmente
“, in mezzo a noi nel Sacramento del suo amore, faranno di Lui Sacramentato
il movente e il fine di tutte le loro azioni, delle loro aspirazioni e dei loro sacrifici.
E se alla devozione a Gesù Sacramentato uniranno una devozione filiale a Maria,
che sia piena di fiducia e di abbandono in Lei, e che spinga l’anima alla imitazione
delle sue virtù, allora la Chiesa si rallegrerà, perché non
potrà mai mancare il frutto di un ministero ardente e zelante in un Sacerdote
la cui adolescenza si è nutrita dell’amore verso Gesù e verso Maria.

Aver cura del giovane
Clero

Qui non possiamo fare a
meno di rivolgere a Voi, Venerabili Fratelli, una viva raccomandazione: di avere
cioè una cura tutta particolare per il giovane clero.

Preparare santamente
alla vita di ministero

Il passaggio dalla vita
riparata e tranquilla del Seminario all’attività del ministero, può
essere pericoloso per il Sacerdote che entra nel campo aperto dell’apostolato, se
non sarà stato sufficientemente preparato al nuovo genere di vita. Tante speranze
riposte in giovani Sacerdoti possono fallire, se essi non sono gradatamente introdotti
al lavoro, sapientemente vigilati e paternamente guidati nei primi passi del loro
ministero.

Promuovere istituti
appositi

Noi approviamo pertanto
che i giovani Sacerdoti, quando è possibile, siano raccolti, per alcuni anni
in speciali Istituti, ove, sotto la guida di Superiori sperimentati, possono affinarsi
nella pietà e perfezionarsi nelle sacre discipline, ed essere avviati al ministero
che più corrisponderà alla loro indole ed alle loro attitudini.
Per tal motivo Noi vorremmo che per ogni diocesi, o, a seconda delle circostanze,
per più diocesi insieme, fossero istituiti simili collegi.

Sul modello di quello
di Sant’Eugenio in Roma

Per quanto riguarda la
Nostra alma Città, Noi stessi abbiamo fatto ciò, quando al compiersi
del 501 anniversario del Nostro sacerdozio, erigemmo l’Istituto di Sant’Eugenio per
i giovani Sacerdoti.

Non lanciare nel ministero
Sacerdoti inesperti

Vi esortiamo, Venerabili
Fratelli, ad evitare, per quanto è possibile, di lanciare nel pieno dell’attività
pastorale Sacerdoti ancora inesperti, e di mandarli in luoghi molto remoti dalla
sede della diocesi o da altri centri maggiori. In simile situazione infatti, isolati,
inesperti, esposti a pericoli, privi di maestri prudenti, ne avrebbero certamente
danno per se stessi e per il loro ministero.

Affiancarli a Sacerdoti
provetti…

E’ cosa invece particolarmente
raccomandabile che questi giovani sacerdoti siano posti a fianco di qualche parroco,
perché in tal modo, mediante la guida di persone anziane, possono più
facilmente essere addestrati al sacro ministero e perfezionare lo spirito di pietà.

…insigni per virtù
e zelo

Ricordiamo a tutti i Pastori
di anime che l’avvenire dei novelli Sacerdoti è, per gran parte, nelle loro
mani. Lo zelo ardente ed i generosi propositi da cui essi sono animati nell’iniziare
il loro ministero, possono essere spenti e certamente affievoliti dall’esempio degli
anziani, se questi non rifulgano dello splendore della virtù, o se, con il
pretesto di non mutare le vecchie consuetudini, si mostrassero amanti dell’ozio.

Si procuri la vita comune
del Clero

Noi approviamo e raccomandiamo
vivamente quanto è già nei voti della Chiesa, che cioè si introduca
e si estenda la consuetudine della vita comune tra i Sacerdoti di una stessa parrocchia
o di parrocchie limitrofe.

Immensi vantaggi che
porta

Se questa pratica della
vita comune comporta anche sacrificio, nessun dubbio tuttavia che da essa provengono
grandi vantaggi; innanzi tutto alimenta quotidianamente lo zelo e lo spirito di carità
tra i Sacerdoti, dà poi un mirabile esempio ai fedeli del distacco dei ministri
di Dio dai propri interessi e dalla propria famiglia; è infine testimonianza
della cura scrupolosa con cui essi salvaguardano la castità sacerdotale.

Non sospendere la vita
di studio

I Sacerdoti devono inoltre
coltivare lo studio, come sapientemente prescrive il Codice del Diritto Canonico:
” I chierici non sospendano gli studi, specialmente quelli sacri, dopo ricevuto
il sacerdozio “. Lo stesso Codice poi, oltre agli esami da farsi ” almeno
ogni anno, per un intero triennio ” che richiede dai novelli Sacerdoti, prescrive
altresì che il Clero tenga più volte l’anno adunanze ordinate ”
a promuovere la scienza e la pietà “.

Ridonare efficienza
alle biblioteche per Sacerdoti…

Per favorire questi studi,
resi talvolta difficili per le precarie condizioni economiche del Clero, sarebbe
sommamente opportuno che gli Ordinari, secondo le luminose tradizioni della Chiesa,
ridonassero dignità ed efficienza alle biblioteche, cattedrali, collegiali,
parrocchiali.
Molte biblioteche ecclesiastiche, nonostante le spogliazioni e le dispersioni subite,
posseggono non raramente una preziosa eredità di pergamene, di libri manoscritti
e stampati, ” testimonio eloquente così dell’attività ed influenza
della Chiesa, come della fede e pietà generosa degli avi, dei loro studi e
del loro buon gusto “.
…con sale di consultazione e di lettura opportunamente aggiornate
Non siano queste biblioteche negletti ricettacoli di libri, ma piuttosto strutture
viventi, con una sala adatta alla consultazione dei libri ed alla lettura. Innanzi
tutto però, siano esse aggiornate ed arricchite di opere di tutti i generi,
specialmente di quelle relative alle questioni religiose e sociali dei nostri tempi,
in modo che gli insegnanti, i parroci, e particolarmente i giovani Sacerdoti possano
attingervi la dottrina necessaria per diffondere le verità del Vangelo e per
combattere gli errori.

Parte
IV

Problemi di attualità

Pericoli del nostro
tempo

Stimiamo infine essere
Nostro officio, Venerabili Fratelli, di rivolgervi un avvertimento sulle difficoltà
che sono proprie del nostro tempo.

Lo spirito di novità

Avete già rilevato
che tra i Sacerdoti, specialmente tra quelli meno forniti di dottrina e di vita meno
severa, si va diffondendo, in modo sempre più grave e preoccupante, un certo
spirito di novità.

Quando sia lodevole

La novità non è
mai per se stessa un criterio di verità, e può essere lodevole soltanto
quando conferma la verità e porta alla rettitudine ed alla virtù.

Novità perniciose
contro cui stare in guardia

L’epoca in cui viviamo
soffre di un grave smarrimento in ogni campo: sistemi filosofici che nascono e muoiono
senza punto migliorare i costumi; mostruosità di certa arte che pure ha la
pretesa di chiamarsi cristiana; criteri di governo in molti luoghi che riescono più
all’oppressione del cittadino che al bene comune; metodi di vita e di rapporti economici
e sociali in cui sono più in pericolo gli onesti che gli scaltri. Da ciò
quasi naturalmente deriva che non manchino del tutto nei nostri tempi Sacerdoti infetti
in qualche modo da simile contagio; e che manifestano opinioni e seguono un sistema
di vita anche nel vestire e nella cura della persona, alieni sia dalla loro dignità
che dalla loro missione; che si lasciano trascinare dalla smania di novità
sia nel predicare ai fedeli sia nel combattere gli errori degli avversari; e che
perciò compromettono non solo la loro coscienza, ma anche la loro buona fama
e quindi l’efficacia del loro ministero.

Agli Ordinari spetta
l’aggiornamento dei metodi di apostolato

Su tutto ciò, Venerabili
Fratelli, richiamiamo vivamente la vostra vigilanza, sicuri che voi, tra la diffusa
bramosia del nuovo e l’esagerato attaccamento al passato, userete quella prudenza
che è sempre saggia e vigilante, anche quando tenta vie nuove di attività
e di lotta per il trionfo della verità. Siamo ben lontani dal ritenere che
l’apostolato non debba adeguarsi alla realtà della vita moderna e che non
si debbano promuovere iniziative adatte ai bisogni del nostro tempo. Ma poiché
tutto l’apostolato che svolge la Chiesa è essenzialmente gerarchico, non si
introducano nuove forme se non con il beneplacito dell’Ordinario. Gli Ordinari di
una stessa regione o di una stessa Nazione, procurino in questa materia di stabilire
tra essi un’intesa allo scopo di provvedere alle necessità delle loro località
e per studiare i metodi più idonei e consoni all’apostolato religioso. Così
tutto si farà nell’ordine e nella disciplina e si potrà essere certi
dell’efficacia dell’azione sacerdotale. Siano tutti persuasi di questo: che bisogna
seguire la voce di Dio e non quella del mondo, e regolare l’attività dell’apostolato
secondo le direttive della Gerarchia e non secondo opinioni personali. E’ vana illusione
credere di poter nascondere la propria povertà interiore a cooperare efficacemente
alla diffusione del regno di Cristo con la stranezza dei modi esterni.

Il Clero e la questione
sociale

Pari rettitudine di atteggiamento
si richiede riguardo alle dottrine sociali del tempo presente.

Nessuna incertezza contro
il comunismo

Vi sono alcuni i quali,
di fronte all’iniquità del comunismo che mira a strappare la fede a quelli
ai quali promette il benessere materiale, si mostrano pavidi ed incerti; ma questa
Sede Apostolica, con documenti recenti, ha indicato con chiarezza la via da seguire,
dalla quale nessuno dovrà allontanarsi se non vorrà mancare al proprio
dovere.

Denunciare le conseguenze
dannose del capitalismo

Altri si dimostrano non
meno pavidi e incerti di fronte a quel sistema economico che è noto con il
nome di capitalismo, del quale la Chiesa non ha mancato di denunciare le gravi conseguenze.
La Chiesa infatti ha indicato non soltanto gli abusi del capitale e dello stesso
diritto di proprietà che tale sistema promuove e difende, ma ha altresì
insegnato che il capitale e la proprietà devono essere strumenti della produzione
a vantaggio di tutta la società e mezzi di sostegno e di difesa della libertà
e dignità della persona umana. Gli errori dei due sistemi economici e le dannose
conseguenze che ne derivano devono convincere tutti e specialmente i Sacerdoti a
mantenersi fedeli alla dottrina sociale della Chiesa e a diffonderne la conoscenza
e l’applicazione pratica. Tale dottrina infatti è la sola che può rimediare
ai mali denunciati e così dolorosamente diffusi: essa unisce e perfeziona
le esigenze della giustizia e i doveri della carità e promuove un ordinamento
sociale che non opprima i singoli e non li isoli in un egoismo cieco, ma tutti unisca
nell’armonia dei rapporti e nel vincolo di fraterna solidarietà.

Andare incontro ai poveri
e ai ricchi

Ad esempio del Divino Maestro,
il Sacerdote vada incontro ai poveri, ai lavoratori, a tutti quelli che si trovano
in angustia e in miseria, fra i quali sono anche molti della classe media e non pochi
confratelli di sacerdozio. Ma non trascuri neppure coloro che, pur ricchi di beni
di fortuna, sono spesso i più poveri nell’anima e hanno bisogno di essere
chiamati a rinnovarsi spiritualmente per fare come Zaccheo: ” Dò ai poveri
la metà dei miei beni e se ho frodato qualcuno di qualche cosa, restituisco
il quadruplo ” (Lc 19,8). Nel campo delle contese sociali dunque il Sacerdote
non perda mai di vista lo scopo della sua missione. Con zelo, senza timore, deve
esporre i principii cattolici circa la proprietà, le ricchezze, la giustizia
sociale e la carità cristiana fra le diverse classi, e dare a tutti l’esempio
manifesto della loro applicazione.
Formare i laici ai doveri sociali
In via ordinaria la realizzazione di questi principii sociali cristiani nella vita
pubblica è officio dei laici, e dove non ve ne sono di capaci, il Sacerdote
ponga ogni cura nel formarli adeguatamente.

Sollecitudine del Papa
per il Clero povero

Questo argomento opportunamente
Ci richiama a dire una parola sulle condizioni economiche nelle quali in questo dopo
guerra si son venuti a trovare moltissimi Sacerdoti particolarmente di quelle regioni
che maggiormente hanno risentito le conseguenze della guerra e della situazione politica
determinatasi a causa del recente conflitto. Tale stato di cose Ci angustia profondamente
e Noi non tralasciamo nulla per alleviare, secondo le Nostre possibilità,
i disagi, la miseria e la estrema indigenza di molti.

Le straordinarie facoltà
concesse ai Vescovi

Voi, specialmente, Venerabili
Fratelli, ben conoscete come siamo intervenuti, nei luoghi dove si sentiva maggiormente
bisogno, anche attraverso la Sacra Congregazione del Concilio, concedendo straordinarie
facoltà ai Vescovi perché fossero eliminate stridenti sperequazioni
nelle condizioni economiche tra Sacerdoti di una medesima Diocesi, e Ci consta che
in molti luoghi i Sacerdoti hanno aderito all’invito dei loro Pastori in modo degno
di encomio; altrove non è stato possibile mettere in pratica nella loro integrità
le norme date, a causa di gravi difficoltà incontrate.

Notificare i frutti
degli sforzi compiuti

Vi esortiamo pertanto a
proseguire, con animo di padri, nella via intrapresa, ed a notificarCi i frutti dei
vostri sforzi, perché non è ammissibile che manchi il pane quotidiano
all’operaio che ha lavorato e lavora nella vigna del Signore.
Promuovere la previdenza sociale per i Sacerdoti
Noi vivamente lodiamo inoltre, Venerabili Fratelli, tutte quelle iniziative che prenderete
di comune accordo, affinché non solo non manchi ai Sacerdoti il necessario
per l’oggi, ma perché sia provveduto anche al futuro, con quel sistema di
previdenza, che già vige e tanto lodiamo nelle altre classi, e che assicurano
una conveniente assistenza nei casi di malattia, di invalidità e di vecchiaia.
In tal modo voi solleverete i Sacerdoti dalle preoccupazioni derivanti dall’incertezza
dell’avvenire.

Encomio del Clero che
soccorre i confratelli di Sacerdozio

Al qual proposito, esprimiamo
il Nostro paterno compiacimento a tutti quei Sacerdoti che, anche a costo di sacrifici,
sono venuti e vengono incontro alle necessità dei Confratelli bisognosi, specialmente
se malati o vecchi.
Così facendo, essi danno una prova luminosa di quella carità vicendevole
che Gesù Cristo ha dato come segno distintivo dei suoi discepoli: ” In
questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se vi aiuterete a vicenda ”
(Gv 13,35).
E Ci auguriamo che questi vincoli di fraterna carità si facciano sempre più
stretti tra i Sacerdoti di tutte le Nazioni, affinché sia sempre più
manifesto che essi, ministri di Dio padre universale, a qualsiasi gente appartengano,
sono uniti tra sé dal vincolo della carità.

Educare i fedeli a soccorrere
il Clero povero

Voi però comprenderete
bene che un tale problema non può essere risolto adeguatamente se i fedeli
non sentano intimamente il dovere di aiutare il Clero, ciascuno secondo le proprie
possibilità, e non si adoperino tutti i mezzi necessari per raggiungere tale
scopo.
Perciò fate comprendere ai fedeli commessi alle vostre cure, l’obbligo che
essi hanno di venire in soccorso dei propri Sacerdoti che sono nel bisogno: vale
sempre la parola del Signore: ” L’operaio merita la sua mercede ” (Lc 10,7).
Come si potrà attendere un’attività fervida ed alacre dai Sacerdoti
quando essi mancano del necessario?
Del resto, i fedeli che trascurano tale dovere, spianano, anche involontariamente,
la via ai nemici della Chiesa, che in non pochi paesi cercano appunto di affamare
il Clero per poterlo separare dai legittimi Pastori.

Obbligo di farlo da
parte dei Pubblici Poteri

Anche i Pubblici Poteri,
secondo le diverse condizioni dei singoli Paesi, hanno l’obbligo di provvedere ai
bisogni del Clero, dalla cui azione la società civile riceve incalcolabili
benefici spirituali e morali.

Esortazione
finale

Riassunto e programma di vita

Ponendo fine alla Nostra
esortazione, non possiamo astenerCi dal riassumere e ripetere quanto desideriamo
che si imprima sempre più profondamente nell’animo vostro, come programma
della vostra vita e della vostra attività.

Portare tutte le anime
a Gesù

Siamo sacerdoti di Cristo,
dobbiamo perciò adoperarci con tutte le forze affinché la Redenzione
da lui operata abbia la più efficace applicazione in tutte le anime. Considerate
le immense necessità del nostro tempo, dobbiamo fare ogni sforzo per ricondurre
a Cristo i fratelli deviati dall’errore od accecati dalle passioni; per illuminare
i popoli con la luce della dottrina cristiana, per guidarli secondo i precetti del
Vangelo e formarli ad una più perfetta coscienza cristiana, per incitarli
infine alle lotte per il trionfo della verità e della giustizia.
Trasfondendo la vita attinta da Gesù
Avremo raggiunto la meta prefissa soltanto quando saremo pervenuti alla nostra santificazione,
così che potremo trasfondere agli altri la vita che avremo attinto da Cristo.

Mostrandosi modelli
di bontà

Ad ogni Sacerdote ripetiamo
pertanto la parola dell’Apostolo: ” Non trascurare la grazia che è in
te, che ti è stata data… con l’imposizione delle mani del presbiterio ”
(1 Tm 4,14); ” mostra te stesso in tutto come modello di bene operare, nella
dottrina, nell’integrità, nella gravità; il parlare (sia) sano, comprensibile,
affinché l’avversario resti confuso, non avendo nulla da dire contro di noi
” (Tt 2,7.8).

Stimare la vocazione
e viverla santamente

Diletti figli, fate sommo
conto della grazia della vostra vocazione, e vivetela in modo ch’essa produca frutti
copiosi in edificazione della Chiesa e per la conversione dei suoi nemici.

Rinnovarsi nello spirito
in questo Anno Santo

E perché questa
Nostra esortazione consegua lo scopo sperato, vi rivolgiamo con particolare affetto
queste parole che, ricorrendo l’Anno Santo, sono quanto mai opportune: ” Rinnovatevi
nello spirito della vostra mente, e rivestitevi dell’uomo nuovo, creato secondo Dio
nella giustizia e nella vera santità ” (Ef 4,23.24); ” siate imitatori
di Dio, come figli bennati, e camminate nell’amore, come Cristo ha amato noi ed ha
dato per noi se stesso a Dio oblazione ed ostia ” (Ef 5,1.2); ” siate pieni
di Spirito Santo, parlando tra voi con inni e salmi e cantici spirituali, cantando
e salmeggiando nei vostri cuori al Signore ” (Ef 5,18,19); ” vegliando
con tutta perseveranza e pregando per tutti i Santi ” (Ef 6,18).

Esortazione ad un corso
straordinario di esercizi spirituali…

Meditando questi incitamenti
dell’Apostolo delle Genti, Ci sembra opportuno suggerirvi che, nel corso di questo
stesso Anno Santo, facciate un corso straordinaio di esercizi spirituali, in modo
che pieni di nuovo fervore di pietà, possiate condurre anche le altre anime
all’acquisto dell’indulgenza divina.

…e alla fiducia in
Maria madre dei Sacerdoti…

Ed infine, quando sperimentate
più gravi le difficoltà nel cammino della santità e nell’esercizio
del vostro ministero, volgete fiduciosi gli occhi e l’animo a Colei, che è
Madre dell’Eterno Sacerdote ed è perciò madre di tutti i Sacerdoti
Cattolici. Voi ben conoscete la bontà di questa Madre, anzi in molte regioni
siete stati voi gli umili strumenti della misericordia del Cuore Immacolato di Maria
nel risvegliare la fede e la carità del popolo cristiano.
Se Maria ama tutti di tenerissimo amore, in modo tutto particolare Essa predilige
i Sacerdoti, che sono viva immagine del suo Gesù. Confortatevi al pensiero
di questo amore della Madre Divina per ognuno di voi, e sentirete più facili
le fatiche della vostra santificazione e del mistero sacerdotale.

…alla Quale il Santo
Padre affida il Clero di tutto il mondo

All’Alma Madre di Dio,
mediatrice delle grazie celesti, Noi affidiamo i Sacerdoti di tutto il mondo, affinché,
per sua intercessione, Dio faccia scendere una larga effusione del suo Spirito, che
spinga tutti i Ministri dell’Altare alla santità e, attraverso il loro ministero,
rinnovi spiritualmente la faccia della terra.

Benedizione speciale
per il Clero perseguitato

Fidenti nel valido patrocinio
della Immacolata Vergine Maria per la realizzazione di questi voti, imploriamo l’abbondanza
delle divine grazie su tutti, ma specialmente sui Vescovi e sui Sacerdoti i quali,
per la doverosa difesa dei diritti e della libertà della Chiesa, soffrono
persecuzioni, carceri ed esilio. Noi esprimiamo ad essi il Nostro vivissimo affetto,
e li esortiamo con paterno animo perché continuino a dare esempio di fortezza
e di virtù sacerdotale.

Benedizione per tutti
i Sacerdoti

Sia auspicio di queste
celesti grazie e testimonianza della Nostra paterna benevolenza, la Benedizione Apostolica
che impartiamo di gran cuore a Voi tutti e singoli, Venerabili Fratelli, ed a tutti
i vostri Sacerdoti.

Dato in Roma, presso
San Pietro, il 23 settembre dell’Anno Santo 1950, decimosecondo del Nostro Pontificato.

PIUS
PP. XII